L’inverno isolano

Il Prof. Biagio Carrubba
Share Button

Passa la notte, e noi si rinasce giorno dopo giorno,

della vita trascorsa nulla rimane…

Pallada  A.P., Liber X, 79.

Arriva all’improvviso l’inverno, ma, da noi, è una burla!
Ormai questa stagione non c’è più nella nostra isola.
E’ scomparsa. Al suo posto è subentrata la Primavera,
tiepida e lunga, che va direttamente fino all’estate.

L’inverno trascorre subito in un battibaleno!
Vola e s’invola. Le giornate sono sempre più,
corte e buie, e diventano più fred...

Leggi tutto

I più bei epigrammi di Alfeo di Mitilene (Dall’Antologia Palatina)

Antologia Palatina
Share Button

Alfeo di Mitilene visse al tempo di Augusto e trascorse una buona parte della sua vita a Roma dove compose i suoi epigrammi. Alcuni di questi fanno riferimento alla potenza di Roma ed esaltano la gloria di Roma...

Leggi tutto

La primavera siciliana

L'arrivo della Primavera
Share Button

Come può il poeta/non alzare un bel canto alla Primavera
Meleagro

Si preannuncia con nuovi colori la dolce Primavera.
Esci e vedi il giallo brillante della mimosa in fiore,
guarda con stupore il glicine, le fresie e i papaveri rossi;
osserva con meraviglia le calle e le margherite bianche e gialle.

Sopraggiunge lieve, leggera, soave la primavera
in ogni parte del nostro territorio montuoso:
sui colli, sui prati, sui laghetti, sul mare,
dopo il breve, c...

Leggi tutto

I più bei epigrammi di Meleagro di Gadara (Dall’Antologia Palatina)

Gadara
Share Button

Meleagro di Gadara nacque intorno al 130 a.C. a Gadara, in Siria. In gioventù si trasferì nella città di Tiro dove soggiornò per molti anni; ed infine negli ultimi anni andò a Cos dove morì intorno al 60 a.C.. Meleagro fu tra i primi poeti a raccogliere gli epigrammi precedenti a lui in una nuova antologia da lui chiamata Corona (o Ghirlanda) dato che ogni poeta veniva paragonato ad un fiore di una corona...

Leggi tutto

Se Dio gioca con i coriandoli…

Coriandoli in cielo
Share Button

Se le Muse avessero voluto parlare latino,
avrebbero parlato con la lingua di Plauto”

Elio Stilone

Se Dio dovesse scegliere la lingua
con la quale dirci,
quando avverrà la fine della Terra,
quale linguaggio sceglierebbe?
L’italiano, il tedesco o il cinese?
O un’altra lingua sconosciuta?
Se un italiano, o un tedesco od un cinese
volesse dire a Dio,
quando scenderà dal suo cielo
per finire e definire il nostro universo,
quali par...

Leggi tutto

I più bei epigrammi di Asclepiade di Samo (Dall’Antologia Palatina)

Copertina del volume dell'Antologia Palatina che si occupa degli epigrammi erotici
Share Button

Asclepiade nacque a Samo intorno al 320 a.C., in gioventù si trasferì ad Alessandria d’Egitto. Fu molto noto durante la sua vita e fu elogiato da Teocrito. Callimaco lo considerava un suo avversario e lo inserì tra i “Telchini”. Scrisse molti componimenti lirici ed è rimasto famoso perché Asclepiade diede vita al metro che prende il suo nome “Asclepiadeo ma...

Leggi tutto

I più bei epigrammi di Leonida di Taranto (dall’Antologia Palatina)

Copertina della traduzione di Leonida di Taranto, a cura di Salvatore Quasimodo
Share Button

Leonida di Taranto nacque intorno al 320 a.C. Scrisse molti epigrammi che sono riportati nell’Antologia Palatina. Intorno al 272 a.C. si trasferì in Epiro alla corte del Re Pirro, quindi raggiunse il Peloponneso, passò in Asia Minore e forse arrivò fino ad Alessandria d’Egitto. Morì intorno al 260 a.C..
Gli argomenti dei suoi epigrammi sono molteplici: alcuni auto...

Leggi tutto

I più bei epigrammi di Callimaco (Dall’Antologia Palatina)

Antologia Palatina
Share Button

Callimaco nacque a Cirene sulla costa dell’Egitto, intorno al 310 a.C.. Si vantava di discendere da Batto, antenato fondatore di Cirene. Callimaco, da giovane, si recò ad Alessandria d’Egitto, poi distintosi per la sua cultura iniziò a lavorare alla corte di Tolomeo II Filadelfo (283-246 a.C.) con l’incarico di catalogare i libri della Biblioteca di Alessandria...

Leggi tutto

La poesia degli epigrammi.

Antologia Palatina
Share Button

Con l’inizio dell’età ellenistica (323 a.C.-31 a.C.) si aprì la fase storica definita Ellenismo che aveva il greco come lingua comune (Koiné o lingua parlata) in tutte le monarchie nate dopo la morte di Alessandro Magno (10 giugno 323 a.C.). Dopo le grandi battaglie tra i vari diadochi (successori) nacquero i grandi regni post-greci tra cui si formarono:
il regno di Siria (con capitale Antiochia), il regno di Macedonia (con capitale Pe...

Leggi tutto

Breve sintesi dell’Eneide (Quarta Parte: Libri X, XI e XII)

Duello finale tra Turno ed Enea
Share Button

Introduzione alla quarta parte.
Gli ultimi tre libri dell’Eneide hanno un solo tema: descrivere la progressione e lo sviluppo della guerra che si svolge fra Troiani ed Etruschi da una parte e Rutuli e Latini dall’altra parte.
I tre libri (X, XI e XII) svolgono in progress, in un intreccio fra divino e umano, tutti gli episodi di eroismo e le aristie dei combattenti prima di arrivare a...

Leggi tutto